U18E F4 > A noi il 3° posto ed ora sotto con Milano3..

FAVARO 74 vs. Buster Basket Verona 69

Parziali (18-20; 34-40; 53-62; 74-69)

Vittoria e……

Una vittoria che vale doppio: infatti oltre ad aver dimostrato che la finale poteva essere nostra abbiamo  conquistato  lo spareggio per  continuare nella corsa verso le finali nazionali.

La prima e la seconda frazione di gioco sono improntate ad un sostanziale equilibrio: dopo un  nostro iniziale 0-8 con 2 palle perse e 3 errori sotto canestro, pur non riuscendo a sviluppare un gioco efficace in attacco e subendo troppo le penetrazioni a canestro ed i tiri da “fuori”,dei ns avversari, riusciamo a contenere lo svantaggio grazie alla determinazione ed alla concentrazione che non sembra venir meno.

Nel 3^ quarto si spera che, dopo l’intervallo lungo con conseguenti indicazioni tecnico/tattiche, i ragazzi entrino in campo con ancora più determinazione ed aggressività, soprattutto in difesa. In realtà complici alcuni errori dovuti ad incomprensione, una difesa ancora troppo molle e la precisione degli avversari non riusciamo a macinare un gioco efficace e redditizio. Il divario del punteggio si allarga quindi inevitabilmente raggiungendo anche i -12 e solo la fame di vittoria ci consente di fare un piccolo recupero chiudendo il 3^ quarto a -9.

Si entra in campo nel 4^ quarto con il pubblico amico, che fino a quel momento aveva cercato di sostenere la squadra, un po’ incredulo e sconcertato dall’andamento della partita. I ragazzi però per niente intimoriti dal punteggio mostrano una luce diversa negli sguardi, quasi consapevoli di aver risparmiato le forze e cominciano la fase finale della partita con un’intensità in difesa fino a quel momento sconosciuta. Il ritmo di gioco si fa indiavolato e gli avversari cominciano subito a subire l’aggressività, la pressione e la maggior precisione sotto canestro dei nostri! Quasi avvertendo immediatamente questo cambiamento, il sostegno del pubblico diventa incessante e fiero trasformandosi in un’onda d’urto che porta i nostri a volare verso la vittoria. Le maglie della nostra difesa diventano pressoché impenetrabili, i ragazzi prendono il ritmo, lo mantengono e lo incrementano di minuto in minuto. Gli avversari inizialmente tentano di resistere dando fondo alle loro ultime energie e facendo ricorso ai “soliti” tiri da fuori area ma via via che la partita volgeva verso la fine essi perdevano le loro certezze, diventavano confusi e la loro difesa si sgretolava lasciandoci enormi varchi che inesorabilmente trasformavamo in punti. E’ qui che al tifo degli adulti si aggiungeva un tifo infernale ritmato e cadenzato dei giovani atleti allenati dal giovane coach che gioca in squadra e che, per l’occasione, erano venuti a sostenerlo. Di fronte a questa esplosione di energia a questo entusiasmo che entrava nelle pieghe più profonde dell’animo la squadra in campo non poteva che essere presa da trance agonistica e in un crescendo di forza, concentrazione e fisicità lasciavamo gli avversari a -3 ad una manciata di secondi dalla fine. Poteva esserci a quel punto un calo di tensione con i cori delle giovani leve che a squarcia gola chiedevano la vittoria? Assolutamente no ed infatti l’ultimo attacco degli avversari si frantuma contro il muro della nostra difesa che subito fa scattare un contropiede magistrale e tre passaggi millimetrici mandano a segno un nostro giocatore solo sotto canestro. Vittoria a + 5 e richiesta delle giovani leve di salutare la squadra sotto la loro curva. Il momento in cui la squadra, unita come un sol uomo, si è avvicinata ai giovani fan è stato veramente toccante, una vera pagina di sport, un esempio per tutti; per i giovani che possano imitare i loro beniamini nell’ottenimento dei risultati, per i grandi che diano fiducia e sostegno agli atleti, per i dirigenti sportivi che col gruppo si può ottenere qualsiasi risultato ribaltando qualsiasi pronostico.  

… comunque… ora e sempre… Forza Favaro !!!

Tabellini: Cardazzo 6, Foltran, Magnanini 15, Smaniotto 2, Bettiol 2, Minincleri, Tagliapietra 6, Scraulech 8, Brollo 16, Baldi 2, Mantovani 17.

Coaches Minincleri & Baldi

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *